Wednesday, July 28
Shadow

Infortunio Ibrahimovic, il Milan studia il piano B per sostituire il re – Corriere della Sera

Infortunio Ibrahimovic, il Milan studia il piano B per sostituire il reInfortunio Ibrahimovic, il Milan studia il piano B per sostituire il re

( Getty Images)

Tre settimane. Minimo. Questa la prognosi per niente buona dell’infortunio di Zlatan Ibrahimovic, una lesione al bicipite femorale confermata dalla risonanza magnetica effettuata luned mattina. Che fosse un problema piuttosto serio l’aveva capito in realt fin da subito anche il medico milanista Mazzoni, in campo, con un’occhiata esperta delle sue. Fra una decina di giorni ci sar un primo controllo: solo l si potr avere un quadro pi certo delle tempistiche. Ma la previsione minimo tre settimane. Significa cinque o pi probabilmente sei gare senza il leader: quindi Lille gioved, Fiorentina domenica, poi Celtic, Sampdoria e Sparta Praga. Un’ipotesi per il rientro potrebbe essere il Parma il 13 dicembre oppure il Genoa il 16.

‘);
}

Rabbia, metodo, disciplina: Zlatan sa come si fa. Lui conosce il suo corpo come nessuno spiegava il suo allenatore Stefano Pioli, ora alle prese col Covid. A lui toccher individuare un piano B, che in realt ha gi in mente, anche perch le scelte in attacco sono limitate: Leao ha lo stesso problema di Ibra al bicipite femorale mentre Saelemaekers tornato da Fuorigrotta con una distorsione alla caviglia.

Senza il suo capotrib, il Diavolo dei ragazzini deve ora trovare la forza dentro di s, come in realt ha gi dimostrato di saper fare: 4 vittorie su 4 anche senza di lui. L’entusiasmo da primo posto sar d’aiuto. Lo si capisce dalle parole del presidente Paolo Scaroni: Siamo al settimo cielo, facciamo risultati straordinari con la squadra pi giovane d’Europa ha detto a Sky, raggiante. La mentalit vincente, il gruppo compatto e convinto. Luned, per dire, l’allenamento era facoltativo ma a Milanello si sono presentati in 15. Ci sarebbe andato anche Kessie, ma era dal dentista a farsi rimettere un incisivo volato via in un contrasto.

Tornando al piano B, gioved contro il Lille nella trasferta crocevia del girone di Europa League giocher Rebic, che in quella posizione ha gi dimostrato di sapersela cavare, nonostante sia pi un esterno, massimo una seconda punta. Il norvegese Hauge, in gol al Napoli, trover quindi lo spazio che merita, come Diaz: energia giovane sulle fasce. Certo, a gennaio ci sarebbe poi il mercato di riparazione: il d.t. Maldini ha pi volte ribadito che un vice Ibra non sulla lista della spesa, chiss per che questo infortunio non gli faccia cambiare idea.

23 novembre 2020 (modifica il 23 novembre 2020 | 22:46)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *