Wednesday, May 12
Shadow

Michael Schumacher, le sue condizioni: le parole di Jean Todt – Virgilio Sport

Michael Schumacher lotta ogni giorno, senza sosta dopo l’incidente di Meribel che ha segnato la sua esistenza. La conferma arriva dall’amico Jean Todt, ex team principal della Ferrari, attualmente numero uno della Fia e legato da un affetto profondo per Michael e la sua famiglia.

Le parole di Todt su Michael Schumacher

“Schumacher continua a lottare insieme alla sua famiglia e ai suoi medici –  ha detto Todt al De Telegraaf —. Vado a trovarlo regolarmente e guardiamo la tv insieme”. Solo lui e pochi altri, recentemente l’amico Felipe Massa e Elisabetta Gregoraci, nella casa del GF Vip, conoscono le condizioni in cui versa oggi Schumacher. Todt aveva confidato di coltivare delle speranze. E non di poco conto: “Spero che il mondo possa vederlo di nuovo. Questo è ciò per cui lui e la sua famiglia stanno lavorando”.

Jean Todt su Mick Schumacher

Per lui, le soddisfazioni da padre non sono esigue. Mick è un talento della Ferrari Driver Academy e potrebbe presto fare il suo esordio in Formula 1. Un sogno, anche per Todt: “Se Michael è a conoscenza della carriera del figlio? Non ne parlerò, non voglio entrare nei dettagli perché è qualcosa di privato”. “È un pilota giovane e di talento. Ha un grande nome, ma i grandi nomi non guidano le macchine. Non so se debutterà in Formula 1, ma non ha ancora un’auto vincente. Avrà bisogno di tempo, è troppo presto per sapere se ha lo stesso talento di suo padre, Max Verstappen o Lewis Hamilton”.

“Quello che fa è incredibile. L’ultima iniziativa della fondazione è un buon esempio. Insieme alle Nazioni Unite e alla FIA, sviluppiamo caschi per giovani motociclisti nei paesi in via di sviluppo. Lì ora indossano spesso caschi che sembrano fatti di vetro. I caschi che stiamo introducendo sono molto più sicuri e convenienti, sotto i venti dollari. Abbiamo sempre in mente Michael con iniziative come questa”, ha aggiunto Todt.

L’incidente di Meribel, sulle Alpi francesi

A sei anni e mezzo dall’incidente di Méribel sulle Alpi francesi, le condizioni di Schumacher rimangono riservate, private. Sappiamo che ha affrontato due difficili interventi, che si è svegliato dal coma nel 2014 e vive assistito amorevolmente da professionisti specializzati oltre alla sua famiglia. Trapela, di tanto in tanto, appena qualche dettaglio, ad opera di quanti nel circus hanno mantenuto un rapporto con il campione del mondo e della Ferrari, e che sono ammessi nella sua dimora svizzera. Pochissime persone: tra queste Jean Todt e l’ex compagno di scuderia, Felipe Massa.

Sarebbe suggestivo, e magnifico, assistere a una sfida di Mick con Lewis Hamilton, che ha superato il record di vittorie di Schumi (dopo il Gp disputato a Imola siamo a 93 contro 91) e segnato questa epoca, così diversa da quella di Michael che continua a non trascurare la sua passione. E a seguire la F1 in televisione, insieme agli amici che gli sono rimasti accanto. Come Corinna, Mick e la sua Gina.

VIRGILIO SPORT | 02-11-2020 13:14

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *