Saturday, May 15
Shadow

Il gentleman – FormulaPassion.it

Nonostante l’allungo dall’uscita della Rivazza sino alla staccata del Tamburello senza la Variante Bassa, sorpassare a Imola si è rivelato alquanto complicato anche nel Gran Premio dell’Emilia Romagna. Le strategie, dunque, hanno avuto un’importanza fondamentale e la corsa si è divisa tra chi ha tentato un undercut anticipando la sosta ai box e chi invece ha deciso di allungare il più possibile il primo stint di gara per sopravanzare attraverso un overcut chi si era fermato dopo poche tornate. Max Verstappen si è fermato per primo nel terzetto di testa e Valtteri Bottas è stato costretto a ‘rispondere’. Charles Leclerc, invece, ha tentato di sopravanzare Daniel Ricciardo senza riuscirci dato che il pilota della Renault è stato prontamente richiamato ai box nella tornata successiva.

Ricciardo: “Al pit-stop di Perez ho sorriso”

Chi invece ha sfruttato alla perfezione l’overcut è stato Sergio Perez, che pur non avendo centrato la Q3 era quarto in gara grazie ad un passo ed una strategia perfetta. Il k.o. di Verstappen, poi, aveva promosso Perez addirittura sul podio, che sarebbe stato il primo stagionale per Checo se il muretto della Racing Point non si fosse inventato una sosta extra in occasione della Safety Car che ha regalato il podio a Daniel Ricciardo. Tra gli artisti dell’overcut ieri ci sono stati anche Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Raikkonen ha concluso la gara in nona posizione e il tedesco della Ferrari avrebbe meritato anche di meglio se non fosse che il suo pit-stop prima della Safety Car si sia rivelato eterno per un problema nella sostituzione dell’anteriore destra.

A fine gara via radio Sebastian Vettel ha voluto consolare i suoi uomini nel consueto messaggio rivolto al suo ingegnere di pista Riccardo Adami, in particolare probabilmente il meccanico (Claudio Bersini) adibito a quella ruota: “Non ho potuto fare granché nel finale, sono stato piuttosto bloccato dal traffico. Ci ho trovato. La gara era buona prima del pit-stop. Ma non preoccupatevi. Grazie a Claudio. Grazie per un sacco di anni, sei un gentleman”. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *