Saturday, May 15
Shadow

GdS – Inter, mistero e incertezza: Conte torna al passato. Lautaro? Buchi neri inspiegabili – fcinter1908

28 ottobre 2020 – 8:15

L’analisi de’ La Gazzetta dello Sport all’indomani del pari a reti inviolate tra i nerazzurri di Antonio Conte e lo Shakhtar Donetsk

L’Inter domina la sfida contro lo Shakhtar Donetsk ma lascia Kiev con grandi rimpianti. Sì, perché tra la sfortuna per le traverse colpite da Barella e Lukaku, il rigore abbastanza evidente su Lukaku ma ignorato dall’arbitro e il gol divorato da Lautaro a porta spalancata, la squadra di Conte non riesce a sbloccare il risultato e si deve accontentare del secondo punto in due partite nella fase a gironi di Champions League dopo il 2-2 casalingo contro il Borussia Monchengladbach.

‘);
}

Getty Images

I nerazzurri perdono un’occasione e ora la situazione si complica, come spiega La Gazzetta dello Sport: “Due punti in due partite e con i pari non si va agli ottavi. La prossima, a casa Real, odora già di spareggio“.

La Rosea aggiunge: “Continua il mistero o l’incertezza su che cosa sia e dove stia andando questa Inter di Conte, una squadra pesante, nel senso della stazza, e pensante, forse troppo, portatrice per ora di un possesso palla importante e che però a volte si incaglia, ci riferiamo al primo tempo di sabato contro il Genoa e al secondo di ieri“.

‘);
}

Nella sfida di Kiev non si è rivisto lo Shakhtar della scorsa Europa League. Luis Castro ha capito che “non è il caso di ‘brasilianeggiare‘” contro una formazione strutturata come l’Inter e ha optato per una strategia d’attesa. “Difendersi e ripartire, un catenaccione vecchio stile. Castro ha consegnato le chiavi della partita a Conte, gli ha detto ‘vedi tu’, e l’Inter per tutto il primo tempo è stata dominante. Si è installata nella metà campo altrui, ha fatto valere il decisionismo. Semina abbondante, però raccolto scarso“.

A Kiev, Conte torna al passato e schiera il 3-5-2 con Eriksen in panchina e Barella nel ruolo d’interno accanto a Brozovic e Vidal. E dopo un primo tempo ad altissima intensità, con le due traverse e le varie occasioni sprecate, nel secondo tempo l’Inter ha abbassato il ritmo. “Il pallone circolava a velocità ridotta. Possiamo immaginare perché sia successo: perché non si può essere intensi in questo calcio complicato dal Covid, in questa stagione infinita, saldata con la precedente, una tirata unica a cui sono state condannate le squadre dopo il lockdown“.

Getty Image

Incredibile l’errore di Lautaro al 75′, quando si divora un gol a porta spalancata: “Una cosa impensabile, se non fosse che anche ai migliori attaccanti capita di sprofondare in buchi neri inspiegabili“. Da lì, Conte si incarta con i cambi.

Il pari lascia l’amarezza ma sensazioni positive in vista del futuro: “Lo 0-0 dello scontento dice che l’Inter è a metà del caricamento. Aspettiamo fiduciosi che si completi il «download», sotto traccia si percepisce un gran potenziale“.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *